martedì 30 gennaio 2007

running to stand still....


devo andare a dormire....
devo andare a dormire....
valeriana, camomilla e ogni tipo di medicina e affine che hanno inventato per dormire....a me...venite a me che sono la donna senza sonno, quella che non dorme mai e parla con la luna..quella che non dorme mai e gioca con le stelle...
c'è gelo in questa stanza buia stasera...e domattina sarà peggio....alzarmi alle sei....ancora una volta...e via lì...verso quell'aeroporto...e quella città....quella che ormai amo e odio allo stesso modo....
e ora devo dormire ....in qualche modo dovrò dormire....
prenderò un libro...uno dei più pesanti e ...no nn mi darò una botta in testa ..proverò a leggerlo...
ma non servirà a molto...
ci sono notti che non hai voglia...e non solo non hai voglia di dormire ma non hai voglia di fare niente altro che stare sdraiato sul letto e fissare il soffitto....
e il sonno non viene...
e il sonno non arriva...
e i pensieri iniziano quasi a materializzarsi come nuvolette dei fumetti....
e tu li vuoi cacciare via e ci provi...
no way...
no way...
sono lì, tutti lì a farti compagnia senza capre che vuoi star sola e non li vuoi sentire ...e i ricordi li vuoi solo annullare e provare a guardare avanti...
ci sono notti in cui non riesci a dormire e hai un chiodo fisso...e quel chiodo fisso non vuole proprio mollarti...e non basta una, dieci, cento valeriane....non basta nulla...
allora abbracci il cuscino....lo stringi forte al petto....lo stringi forte a te come a volergli comunicare qualcosa....ma il cuscino non ha anima...non respira...non ti può abbracciare anche lui....
allora ti alzi...apri la finestra...guardi fuori nella speranza che da lì a breve si scateni il diluvio e inizi a piovere...ma la notte è serena quasi a farti un dispetto....ci sono le stelle...cielo limpido....
davanti a quella finestra accendi una sigaretta....e continui a guardare fuori....nella speranza che il chiodo fisso vada via per lasciare posto ad altro....
il chiodo fisso non ne vuole sapere...
togli gli occhiali....asciughi una e una sola lacrima.....ti giri e ti guardi allo specchio...ti vedi ma non ti riconosci eppure sei tu....dentro quel pigiama maschile azzurro sei tu, proprio tu.....
non ti ricordavi di essere così carina quando sei triste....senza trucco....con le lacrime gli occhi sembrano più verdi...anzi sembrano verdi dato che non se ne accorge mai nessuno...
ci sono notti in cui ti senti mancare la terra sotto i piedi....
notti in cui per un abbraccio sincero faresti bassezze...
notti in cui pensi che tutto quello che hai fatto fino adesso , tutte le persone che ti circondano e tutto quello che hai fatto insieme a loro non vale nulla e non è reale....
ci sono notti lunghe e buie in cui sei stanca di prendere le briciole da tutti...in cui pensi e credi di meritare di più...notti di rivoluzione...notti di occupazione...
lunghe e infinite notti stellate in cui ti manca così tanto qualcosa o qualcuno da fermarti il respiro...
e capisci che anche se dici di voler star sola aspetti solo e soltanto che qualcuno ti tenda la mano...
aspetti quella mano forte per aggrapparti e non mollarla mai più...
ma senti dentro che non arriverà...lo senti...hai smesso di credere alle favole e sai che quella bandiera di indipendenza sotto la quale vivi è destinata a far parte di te sempre.....
ci sono nottate pesanti da digerire...da metabolizzare...in cui l'unica cosa che vorresti è sentirti parte di un tutto ma ti accorgi che il tuo tutto è un tutto al singolare...e da lì devi iniziare e lì devi finire....
notti in cui ti giri , ti rigiri nel letto...ti alzi accendi il pc e scrivi nn sai neanche perchè...
forse vuoi chiedere aiuto..
forse vuoi buttare tutto fuori e togliere le maschere una buona volta...
forse nn hai più paura...
forse è la paura invece a spingerti...
ti alzi , apri un foglio bianco...e speri che mettendolo dentro una bottiglia e lanciandolo in mare dopo avere messo nero su bianco qualcuno lo raccolga...lo legga...e lo comprenda....e dopo aver compreso ti scopra...scopra quella vera...e ti tenda davvero una sola volta la sua mano....una sola volta....
non la faresti mai scappare....
certe volte si smette anche di sperare...e c'è chi direbbe che è la fine...e forse lo è...
ma la fine è solo un nuovo inizio...e ti indurisci sempre più...e diventa sempre peggio....e ti rassegni sempre più....
ci sono notti in cui corri rimanendo fermo...corri e scappi da tutto ciò che nn vuoi, da tutto ciò che nn va...da quelle persone che sembra ti vogliano bene ma alla fine ti danno il minimo....da quelli che dicono di amarti e amano solo loro stessi....da coloro che ti abbracciano, ti baciano, ti sorridono....ma non è per te che lo fanno.....vanità....
vanità....
e pensi ancora una volta che forse non è per te....che forse non ti sentirai mai amata...forse continuerai a sentirti sbagliata...e a sentire il vuoto...quello che ti divora...quello che ti vuole inghiottire da sempre ma che tu riesci sempre a fregare sul tempo....

notti in cui i tuoi sogni crollano e capisci che devi smettere di credere in tutto ciò che non dipende da te....

e pensi a cosa hai fatto e perchè....a cosa cercavi...cosa volevi...dove volevi arrivare e dove nn sei mai arrivato....
continui a correre e pensare di non voler più parlare, di non voler più vedere....continui a pensare che studiare e studiare e studiare e correre correre correre e ricominciare a calciare..a dare pugni a un sacco...sia la soluzione per non pensare....
ma ci sono notti in cui i pensieri non puoi ignorarli...e non serve alzare il volume...e non serve leggere...e non serve fumare...e non serve cantare sotto voce le parole dei tuoi cantastorie....non puoi scappare....
inchiodato come hellraiser....dai pensieri...ogni chiodo..ogni singolo chiodo...una delusione...una volontà di cambiare...una volontà di cancellare e ricominciare....
ci sono persone che ti uccidono senza rendersene conto....
persone che ti amano senza che tu lo vuoi...
persone che ami e non lo sanno...
persone che dicono e parlano senza sapere e senza capire...
e poi ci sono sorrisi...abbracci...risate...
ci sono giornate insieme...
ci sono notti abbracciati con la mente...
ci sono notti lunghe passate fianco a fianco....
e poi in mezzo a tutto questo c'è lui...il grande nulla...
il grande signore del niente...sovrano e re , despota , tiranno delle notti bianche.....
regime totalitario per i suoi sudditi delusi e rassegnati....
questa è una di quelle notti....
e domani sarà ancora senza risposta....e domani non avrò capito nulla e me ne sarò dimenticata perchè credo...perchè sono una rivoluzionaria e il regime assoluto nn mi avrà...nn ora...nn ancora...sono il capo della massoneria del sogno...il capo dei carbonari dell'amore vero che ti salva....
ma stanotte sono qui a fare quattro chiacchiere col niente....e nulla può rendermi il sorriso adesso....
domani , forse, tornerà....


odori dell'amore nella mente...
dolente tremante ardente....
il cuore domanda...
cos'è manca?

5 commenti:

Seven ha detto...

nella vita ci vuole fortuna... c'è chi nella notte insonne apre la finestra e almeno vede le stelle, c'è chi apre la finestra e vede un cantiere... nella vita ci vuole fortuna... non mi trovo mai nel posto giusto quando c'è una che per un abbraccio farebbe bassezze... ma tanto sta cosa mica l'hai scritta per me... va' curcati va'... marlene kuntz, comunque, citazione dominante.

LILA ha detto...

cara amica,
apri il tuo cuore, non la finestra...spalanca le imposte della tua anima, tanto di sicuro sono meglio di quelle di merenda!!!
sai, ti ho sgamata: tu sei dolce dolce e tenera tenera...e allora giù la maschera!!!

prescia ha detto...

hai ragione little lila...
questa sono...
questa sono io nè più nè meno...
solo che non lo vedrete mai...
lo leggerete soltanto e spero possa bastare....

seven invece sa bene....troppo bene ormai cosa c'è dietro la iena....

e per restare in tema di citazione....

e non mi basta...
nuotare nell'aria per immaginarti...
ciauuuu....

LILA ha detto...

mi dispiace disilluderti...ma la tua dolcezza e fragilità sono chiari a chiunque le voglia vedere... la tua armatura è troppo sottile (per fortuna)perchè siano invisibili...ma è comunque abbastanza spessa da imprigionarti ed impedirti di scoppiare in un pianto liberatorio e di ricevere quell'abbraccio "per cui faresti bassezze"...

Anonimo ha detto...

…abbracci infiniti, così stretti, così forti… e baci, e “ti voglio bene”, e “mai più senza te”… e poi i sogni infranti contro una scogliera e nessuna spiegazione, e il grande vuoto, fuori e dentro, e voler picchiare la testa sul muro, e voler farsi male. E le notti insonni col viso bagnato di lacrime, e i singhiozzi e una sola domanda che ti pugnala il cervello: “perché?”.
Quante notti ho passato così, non molto tempo fa? Eccomi anche qui, in questa tua pagina densa di nebbia interiore. Ho letto la data e l’ora in cui hai scritto… sappi che mentre tu scrivevi, proprio quella notte, io passavo uno dei più bei momenti con chi poi è andato via senza spiegazioni.

Ciao Prescia!

G. (quella che conosce l’OceanoMare…)

P.S. Come vedi ti leggo piano piano, concedendomi un paio di pagine alla volta, proprio come si fa con un bel libro… ; )